SERVIZIO PER GLI INTERVENTI CARITATIVI A FAVORE DEI PAESI DEL TERZO MONDO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Progetti di vita

Il progressivo dei progetti accordati nel 2017, dopo l'ultima riunione del Comitato del 22 e 23 settembre, è di circa 80 milioni di euro per 414 progetti.
9 ottobre 2017

Da Haiti colpita dall’uragano Mattew ai senzatetto del Pakistan, dalla costruzione di un ospedale in Tanzania alla reintegrazione sociale degli ex tossicodipendenti in Libano, sono questi solo alcuni dei 128 progetti finanziati dal Comitato per gli interventi caritativi a favore del Terzo Mondo per uno stanziamento totale di 30.432.409 euro.

La riunione del Comitato, tenutasi venerdì 22 e sabato 23 settembre a Roma, presso la sede CEI di via Aurelia 468, ha approvato azioni di sostegno e sviluppo così suddivise: 21.805.525 euro per 74 progetti in Africa, 3.985.469 euro per 29 progetti in America Latina, 3.900.874 euro per 19 progetti in Asia, 404.105 euro per 2 progetti in Medio Oriente, 175.900 euro per 3 progetti in Est Europa, 160.536 euro per 1 progetto in Oceania.

Tra i progetti scelti, la costruzione di un ospedale nel distretto di Temeke in Tanzania. La struttura mira a far fronte a diversi bisogni urgenti della popolazione locale che, ad oggi, devono percorrere 30 km o più per raggiungere l’ospedale più vicino, e molte persone muoiono durante il tragitto. Il disagio e il pericolo aumentano per le donne in attesa di un figlio. E ancora in Africa, in Repubblica Centro Africana, si erigerà un complesso scolastico per studenti in agraria dell’ISAAC nella Diocesi di Bangui.

Ad Haiti, colpita dalle devastazioni dell’uragano Matthew, l’obiettivo del progetto finanziato è il sostegno economico, sociale e ambientale di 500 famiglie. Lo schema delle attività vuole agire su più fronti per riattivare un circuito di produzione interrotto dal dissesto meteorologico, istituire un fondo di micro credito, bonificare l’acqua contaminata, riparare le case danneggiate, acquistare semenze e attrezzi agricoli per sopperire alle piantagioni – alberi da frutta, alberi di alto fusto – distrutte dalla violenza degli elementi.

Infine, tra i 19 progetti che prenderanno vita in Asia, si segnala in Pakistan la realizzazione di strutture per l’accoglienza per i senzatetto e coloro che soffrono la schiavitù e il lavoro minorile.
Il progressivo dei progetti accordati nel 2017, dopo questa riunione, è di circa 80 milioni di euro per 414 progetti.